fbpx

<< torna alla pagina degli Insegnanti

Nicola Verlato è nato a Verona, in Italia, il 19 febbraio 1965. Ha iniziato a dipingere all’età di 7 anni e a vendere i suoi dipinti a circa 9. La sua formazione artistica è stata abbastanza poco ortodossa, si considera quasi auto pensante, tuttavia, dalle 9 alle 14, trascorreva ogni estate nello studio di un monaco-pittore (Fra ‘Terenzio) nel monastero vicino al suo villaggio nel nordest dell’Italia, considera il luogo in cui ha imparato a disegnare in modo accademico.

Il suo primo spettacolo serio è stato all’età di 15 anni nel municipio di Lonigo, uno spettacolo di 3 persone in collaborazione con altri 2 artisti della zona. Nicola è stato anche istruito in musica classica dall’età di 9 anni (chitarra classica, liuto, pianoforte e composizione) presso il conservatorio di Verona, poi ha indirizzato la sua attenzione verso la musica rock suonando chitarra elettrica, basso, sinths, compositore, jingles e colonne sonore per documentari. Studiò anche architettura all’università di Venezia dove visse per quasi 13 anni dipingendo ritratti e scene allegoriche per l’aristocrazia locale e gli stranieri benestanti che vivevano in quella città. Durante questo periodo a Venezia ha lavorato su quasi tutto ciò che era legato al disegno: scenografia, decorazioni temporanee, illustrazioni, fumetti, storyboard, ecc. Intorno al 28 iniziò ad interessarsi all’arte contemporanea e, di conseguenza, a mostrare in numerose gallerie in Italia e all’estero in mostre personali e collettive.

Dopo aver trascorso 7 anni a Milano, dove ha creato la sua ben nota notorietà in Italia, nel 2004 ha deciso di trasferirsi a New York. In questi ultimi anni ha mostrato principalmente a New York City e in varie gallerie e musei negli Stati Uniti, in Italia e Norvegia, ma anche in India, Germania, Olanda e altri paesi europei. Ha partecipato con un’installazione di dipinti e sculture come rappresentante del padiglione italiano alla Biennale di Venezia del 2009. Dal 2011 Nicola Verlato vive e lavora a Los Angeles.